VIDEO CONTEST LUOGHI COMUNI: VOTA IL TUO VIDEO PREFERITO!

Il progetto Luoghi Comuni, promosso e partecipato da BiR – Bambini in Romania e realizzato con il contributo dell’Unione Europea Programma Diritti, Uguaglianza e Cittadinanza, si pone come obiettivo di favorire l’integrazione dei Rom, attraverso una campagna di sensibilizzazione che ha visto bambini e bambine, ragazzi e ragazze rom e non attivarsi in laboratori di teatro e videomaking.

Sei mesi di lavoro che hanno coinvolto i giovani in percorsi artistici partecipati in cui hanno potuto esprimersi liberamente, confrontandosi su tematiche quali quelle delle discriminazioni nei confronti dei rom e del “diverso” ma soprattutto su quanto hanno in comune e su quali strade e ponti costruire insieme per una nuova cultura dell’interazione.
I 3 video dei lab di Milano, Roma e Bari sono ora online: clicca http://www.luoghicomuni.eu/video-contest/ scegli quale votare e diffondi tra i tuoi amici!

il 18 giugno “Art Day: l’arte che sostiene il sociale”

Ritorna l’accoppiata Le Trottoir Alla Darsena – BiR – Bambini in Romania! Divertimento, cultura e cittadinanza attiva che si intrecciano in un mix tanto insolito quanto dirompente. Rompiamo i soliti schemi, svecchiamo l’idea e il concetto di volontariato, troviamo il tempo di coinvolgere, raccontare ed ascoltare storie vicine e lontane…

Il ritrovo è alle ore 16.00 in piazza XIV maggio davanti allo storico locale di Milano “ Le Trottoir ”, dove quattro giovani Street Artist di Artkademy si sperimenteranno in una performance live per BiR. Le opere (spray su pannelli di legno) ultimate nel pomeriggio saranno messe in palio come premi della lotteria la cui estrazione avrà luogo alla fine della serata stessa.

Per partecipare all’estrazione basterà acquistare un calice di vino dai volontari BiR presenti all’interno del locale dalle 16.00 fino a tarda notte.

Dalle 20 alle 22 l’open concert: una giovane band di artisti milanesi accompagnerà la clientela all’abbondante aperitivo con buffet.

Durante l’evento i volontari di BiR – Bambini in Romania saranno presenti con un banchetto informativo all’esterno del locale, pronti e disponibili a spiegare le attività che l’associazione sostiene durante tutto l’anno.

I proventi derivanti dalla vendita dei calici di vino saranno destinati a finanziare materiali e attività per i bimbi/ ragazzi che i volontari BiR incontreranno a luglio in Rep. Moldova (nei villaggi di Fetesti e Orhei) e in Romania (nel centro diurno di Panciu e in istituto a Gura Vaii).

VOLUNTARY WORK IN ITALY, ROMANIA AND MOLDOVA

LOCAL VOLUNTARY WORK – Italy

Our networking with other organisations in the areas we operate continues with two main focuses.

The first is to provide guidance for volunteers who have decided to continue working with other organisations after their summer experience. The second is the cultivation of targeted partnerships. These stem from the willingness of BiR volunteers to share  with other organisations the experience and skills they have gained from working in intercultural environments over the years. An example of this is the initiative of the “SOS Syria” group, an experience demonstrating our attention to what is currently happening in the areas where BiR operates. This project was the inspired of about 15 volunteers involved in hospitality and recreation for Syrian asylum seekers – adults and children – who arrived in Milan in the autumn of 2013 to escape civil war in their country. The project continues to support organisations involved in first-response reception centres.

VOLUNTARY WORK ABROAD – Romania and Moldova

Since 1999, Bambini in Romania has organised international voluntary summer camps in institutes and communities in Romania and the Republic of Moldova. Two weeks of entertainment and recreation for children and young people aged between 3 and 20, with the assistance of local volunteers. This international voluntary project is organised around three different periods from late June to mid-August.

“Even when times are hardest, I can get up and remember who I am, who we are.
We are the ones who go back with an awful plastic bracelet on our wrists.
The ones who never get used to saying goodbye.
The ones who never really go back. “

EUROPEAN VOLUNTARY SERVICE – EVS IN ROMANIA

GROW UP TOGETHER PROJECT

BiR proposed an EVS project for 2015/16 involving 11 months of service in the city of Râmnicu Vâlcea on the projects the association co-runs with the Inima Pentru Inima Foundation.

3 volunteers will take part in the second year of the project. Their work will involve:

  • entertainment, sports activities, recreational workshops, music, computers skills, etc.;
  • helping children in their daily activities;
  • organising trips to parks, the library, entertainment;
  • organising promotional events to raise awareness among young Romanians on the fundamental importance of their direct involvement in the building of a more inclusive and cohesive local and European community and to inform them about the opportunities offered by the YiA programme;
  • helping to organise summer camps.

PAINT TOGETHER THE ORIZON

EVS project in Bucharest consists in six months of service with the projects carried out in collaboration with the Association Carusel (within the structures of the Romanian partners or in hospital of the territory with which collaborates Carusel) consiste in 6 mesi di servizio presso i progetti portati avanti in collaborazione con l’associazione Carusel, alongside local staff) 

ACTIVITIES IN MOLDOVA

Over the last four years, BiR has been involved in projects beyond the eastern border of Romania. As well as being the poorest country in Europe, in recent years the Republic of Moldova has undergone massive emigration. It is estimated that between 25 and 30% of the population has emigrated eastwards or westwards. The first consequence of this has been the noticeable reduction in adults and, hence, in the number of parents and workers, in many parts of the country, but particularly in rural areas. Our local partners – Social Mission Diaconia and the Christian Philanthropy Association – are working in several areas of the country on a variety of support initiatives for the most vulnerable members of the population and to encourage the redevelopment of communities and their resources. Our work with colleagues in the Republic of Moldova has two main areas of focus. On the one hand, it is to promote international engagement and partnerships with local volunteers to organise week-long leisure and play initiatives for children and young people in rural areas. On the other hand it is to provide financial support to support prevention and social promotion projects.

 

THE WAGON This is a volunteer centre set up in 2008 in Orhei, on the initiative of the “Sfântul Vasile de la Poiana M?rului” Orthodox Parish in collaboration with Social Mission Diaconia and now supported

independently by a local association founded in 2013 called Christian Philanthropy. Numerous projects took place between December 2013 and December 2014:
? environmental education activities;
? workshops on education, the family, and relationships;
? creative activities and workshops;
? campaigns for children and rights;
? collection of clothes, food and games for children and families in need at Easter, Christmas and the summer holidays;
? summer camps;
? activities to promote voluntary work.

The work to recruit young volunteers also intensified in 2014. Young men and women were involved in several awareness and training initiatives in their local communities and were given constant guidance to motivate them. Now a tradition, the Volunteer of the Month award generates the right amount of enthusiasm for working alongside others and contributing to the community. In 2014, the fourth edition of “Field of friendship” took place in Orhei. This summer event is planned and organised in collaboration with BiR volunteers and has two main objectives: to present a week of activities for disadvantaged children and youngsters and to train and mentor local volunteers.

E’ UN PO’ COME NEL WEST – I giovani, pionieri del tempo. Il 24 gennaio vi aspettiamo all’incontro con Stefano Laffi

Laffi formazione aperta 24_01 volantino

E’ UN PO’ COME NEL WEST
I giovani, pionieri del tempo

Incontro con Stefano Laffi. Ricercatore sociale presso l’agenzia Codici | Ricerca e Intervento. Ha collaborato con la Rai, Radio Popolare, oggi con le riviste “Lo Straniero” e “Gli asini”. Si occupa di mutamento sociale, culture giovanili, processi di emarginazione, consumi e dipendenze.

“I pionieri sono destinati a essere autodidatti, a rigenerare costantemente i propri saperi.”

In quali luoghi e momenti, come e con chi i giovani si interrogano e scrivono il proprio futuro?
Il ruolo di associazionismo e attivismo.

24 gennaio 2016 – ore 9.30 /13.30

Casa delle Associazioni – Zona 8

Villa Scheibler – Sala Torretta (via Felice Orsini 21, Milano)

Come raggiungerci: Bus 57 fermata via Satta angolo via Lessona; passante ferroviario (fermata Quarto Oggiaro) o MM3 Affori Nord e poi Bus 40 fermata via Amoretti angolo via Lessona.

 

A conclusione dell’incontro è previsto un aperitivo organizzato dai volontari di BiR Onlus per raccogliere i fondi necessari all’autofinanziamento dell’iniziativa.

 

L’incontro è promosso dall’Associazione BiR – Bambini in Romania Onlus,
organizzazione di volontariato attiva nell’ambito della partecipazione giovanile.

In collaborazione con: Animal Tribe (Amani for Africa e Tette e Libertà) e Casa delle Associazioni di zona 8

Sito web

Il sito è il risultato di un gruppo di lavoro che ha riunito età, esperienze e competenze differenti, disposte a mettersi in gioco per trovare un nuovo modo di “raccontare” il mondo BiR.

Giorgio, Luca, Mario, Sofia, Serena e Valentina sono a disposizione per ascoltare i vostri suggerimenti per implementare ed arricchire il sito.

Testimonianza

[blockquote size=”full|half|third|fourth|two-thirds|three-fourths” align=”left|right” byline=”Luca”]Il progetto del nuovo sito di Bir – Bambini in Romania – Onlus è stato per me una grande sfida. Riuscire ad ascoltare per capire fino in fondo il segreto dell’entusiasmo che pervade i volontari; trasferire almeno qualcosa di questa contagiosa voglia di esserci; incanalare nel linguaggio del web questa energia comunicativa. Per riuscirci fino in fondo è stato basilare avere una figlia totalmente immersa nel mondo Bir a farmi da interprete; fondamentale il viaggio in Romania per vedere e respirare direttamente i risultati del lavoro che lei, insieme a mille altri volontari riescono ad ottenere; bellissimo lavorare con un gruppo di lavoro colorito ed eterogeneo come tutto il mondo che sta intorno a Bir. Oggi il sito è on line, con tutte le sue imperfezioni, le sue mancanze e le sue ingenuità. Un contenitore di progetti, energie, persone incredibili.[/blockquote]

BiR – LE TESTIMONIANZE DI ALESSANDRA E MICHELE

IL PRIVILEGIO DI FAR PARTE DI UNA STORIA 
Se dovessi pensare a tutto ciò che quasi quattordici anni in questa associazione mi hanno dato, forse sarebbe per me impossibile descrivere tutto e metterlo in un quadro completo, coerente, condivisibile.
Ma innanzitutto devo dire che trasformare sentimenti, passioni, pensieri e suggestioni in un insieme verbalizzabile, è forse la più potente delle abilità che BiR mi ha aiutato a costruire in questi anni. Anche oggi, che mi ritrovo a lavorare e vivere lontano dall’Italia, non posso fare altro che ripercorrere con il pensiero, le tappe che mi hanno fatto arrivare fino a qui, in Palestina, dove sto lavorando come psicologa per un’organizzazione umanitaria, e dove sto mettendo a frutto, non solo le aspirazioni di una vita, ma soprattutto il proseguimento di una traiettoria che ha avuto origine proprio quattordici anni fa in quell’orfanotrofio in Romania.
Mai come oggi è presente dentro di me la consapevolezza che BiR ha giocato un ruolo fondamentale nell’aiutarmi a realizzare questo sogno, offrendomi un intenso cammino di crescita dove pensiero e azione si sono incontrati e fusi, rincorrendosi appassionatamente.
Vorrei iniziare dall’azione, forse perché è più facile per me spiegare qualcosa di concreto, ma soprattutto perché è così che è iniziato questo percorso.
Partire per i campi di volontariato in Romania, è stato solo il primo passo; l’essere calata cioè in una realtà tanto vicina quanto scioccantemente diversa.
Come si poteva anche solo immaginare che nel 2000 i più elementari diritti dell’uomo e dell’infanzia, fossero calpestati e sbriciolati e tenuti nascosti agli occhi del mondo? Forse era il mondo che non voleva guardare, ma ancora ricordo la sensazione ustionante che saliva dallo stomaco e che solo a tratti riusciva a trasformarsi in pensiero. L’indignazione. Parola divenuta poi uno degli slogan associativi che ci ha accompagnato nel tempo nelle campagne di sensibilizzazione, “l’indignazione non basta”.
Eh già, l’indignazione non poteva proprio bastare; poteva forse essere la scintilla iniziale, ma di certo sentivo che non mi apparteneva il restare immobile a bocca aperta. Bisognava agire. Pensiero fisiologico, quanto inevitabile. Chiunque sia dotato di una coscienza, credo possa aver sentito questo almeno una volta nella vita, verso un fratello, un amico o una causa comune. Sentire che l’azione deve diventare pensiero e poi quindi azione.
Il come, è stato un percorso molto meno rapido o istintivo; il come appartiene al pensiero. Se penso al come, mi vengono in mente le infiorate della nostra tradizione italiana; si lavora su piccoli pezzi alla volta, curando i dettagli, a volte dimenticando il disegno nel suo insieme, e allora bisogna fare un passo indietro, magari due, per riorientarsi e riorientare il lavoro comune. Solo alla fine è però possibile ammirarne l’insieme e godere delle simmetrie, delle rette come delle curve. Delle evoluzioni grafiche.
Ma in BiR il quadro non è mai completo; è sempre cresciuto e si è espanso. Ha preso forma nelle periferie e nei centri di questa grande creazione collettiva e questi centri e periferie spesso si sono sovrapposti e scambiati di ruolo. È stata probabilmente la fucina più importante della mia esistenza, nel periodo forse più stimolante e incerto della mia giovane vita di studentessa ai tempi dell’università. Ho visto persone molto stupite in passato di questa mia dichiarazione, ma sono assolutamente consapevole che niente avrebbero potuto le centinaia di libri di psicologia che ho dovuto studiare, se non fossero stati integrati da questa esperienza.
Perché?
La risposta dentro di me è chiara, ma non sono sicura di riuscire a spiegarla chiaramente a chi sta leggendo, un po’ come quando condividi il racconto di un viaggio con qualcuno che non c’era, ma allo stesso tempo, raccontarlo, ti aiuta a fissare nella memoria ricordi e emozioni e a riordinare il tutto.
BiR ha scelto di essere un laboratorio di esperienza umana, che partisse dai campi estivi negli orfanotrofi e proseguisse con la formazione di cittadinanze, aprendo spazi di confronto e crescita per gli abitanti del mondo di oggi e di domani, per sentirsi responsabili del proprio tempo, connettere storie e alfabeti, stabilire legami, elaborare una propria identità etica e civica.
BiR ha scelto di non essere mai uguale a se stessa, auspicando il cambiamento, privilegiando la crisi alla tranquillità, rivolgendo domande a se stessa piuttosto che all’esterno, considerando i giovani come la più grande premessa e dando loro in mano le redini del futuro di questa associazione. Ho avuto la grande opportunità di trovare uno luogo etico dove connettere pensieri e sentimenti, azioni e ideali, affetti e gesti, politica e spiritualità. Ora che vi scrivo da questa martoriata terra, violentata nella sua identità e debilitata da pensieri e azioni che ancora non conoscono il significato della parola pace, realizzo ogni giorno la profondità di queste connessioni e riscopro la responsabilità di averle scolpite nel mio cuore e nella mia mente insieme alle tante persone che rendono ogni giorno questa associazione viva e pulsante e molto speciale.
Riconosco nei tempi e negli spazi che scorrono dentro di me, il privilegio di far parte di una storia.
Questo per me è BiR.
Da Hebron (Palestina), Alessandra

LONTANO?
Sono volontario BiR da dieci anni, cioè da una vita.
É come dire che i primi bambini romeni che ho incontrato, sull’asfalto rovente del parco giochi di Rupea, nell’estate 2005, sono diventati adulti, o quanto meno
adolescenti –anche se a me interesserebbe solo sapere se sono diventati almeno un po’ più felici.
In questi dieci anni di BiR di acqua sotto i ponti ne è passata tanta: ho più rughe e meno capelli, un bel prefisso ‘dott.’ davanti al nome, una miriade di amici in più, un numero imprecisato di campi di volontariato sulle spalle – ‘sulle spalle’, non ‘alle spalle’: quello mai – e perfino un ruolo nel Consiglio Direttivo – io, che ero arrivato in BiR con i calzoni corti e lo zaino Invicta su una spalla sola. Ma se ci penso sono di più le cose che non sono cambiate: l’emozione di rivedere i vecchi compagni di viaggio e di conoscerne di nuovi, l’entusiasmo per un nuovo progetto, la trepidazione dei giorni che precedono i weekend di formazione e di verifica, il mondo che ti si schiude di fronte agli occhi in ogni campo estivo. In questi anni BiR è cresciuta e sono cresciuto io. In questi anni mi ha dato soddisfazioni immense e mi ha riempito di orgoglio, mi ha fatto stancare come una bestia da soma e ridere come un bambino che gioca sulla spiaggia, mi ha strappato tante lacrime, mi ha fatto compagnia, mi ha spinto a riflettere, mi ha insegnato mille cose, mi ha anche – qualche volta, pochissime – fatto arrabbiare.
Insomma, BiR è stata un’amica, un’Amica vera –e la sacra parola, ‘amico’, per una volta non è spesa a vuoto. E come in ogni amicizia vera la distanza fisica non ha mai contato, se non per il dispiacere di non poterci vivere nella quotidianità come sarebbe bellissimo fare. Per tanti anni all’ombra della mia splendida Torre di Pisa, come in questi ultimi mesi, sperduto nel grigiume della più cupa Inghilterra, BiR ha saputo farmi non solo sentire, ma essere realmente parte di essa, come se abitassi nello stesso isolato della sede.
E questo, forse, è il vero incantesimo e l’autentica marcia in più di questa Associazione, oltre a tutti i meriti che non mi stancherò mai di riconoscerle, e che dalla mia prospettiva privilegiata di osservatore ahimè un po’ esterno spiccano particolarmente, specie in un contesto come quello del mondo del volontariato che non sempre brilla da questi punti di vista: un’attenzione senza eguali alla formazione del volontario, una serietà ed un rigore quasi scientifico nella progettazione e nella gestione, una notevole trasparenza finanziaria, un grande equilibrio fra le varie anime che compongono l’associazione stessa, un processo di crescita e di miglioramento della qualità che procede di anno in anno. Tutti temi che mi rendono orgoglioso, e che sorprendono positivamente e convincono tutti coloro ai quali ho mostrato, a decine o centinaia o migliaia di chilometri da Milano, principi, iniziative e meccanismi dell’Associazione che rappresento.
Mi era stata chiesta mezza pagina su ‘BiR vista da lontano’. Mi rendo conto di aver scritto tutt’altro, ma semplicemente perché BiR vista da lontano non esiste: BiR sa coinvolgerti e valorizzarti, chiunque tu sia e dovunque tu sia. Anzi, semmai difficile potrebbe essere l’allontanarsi da BiR. Ma, del resto, chi è che ne ha voglia?
Da Wolverhampton (UK), Michele

DESTINAZIONE FONDI

ITALIA
Insieme ai ragazzi e ai professori dell’Istituto Penale per Minorenni Beccaria di Milano un gruppo di 20 volontari, i BeccaBiR, partecipa ai laboratori di scrittura, fotografia e arte durante l’intero anno scolastico.
Durante le vacanze scolastiche prosegue il lavoro dei BeccaBiR garantendo ai ragazzi una presenza costante e un modo diverso di fare attività all’interno dell’Istituto attraverso giochi o semplici chiacchiere.
L’obiettivo principale del progetto è quello di offrire ai ragazzi uno spazio senza vincoli eccessivi e una relazione con persone quasi coetanee, con le quali parlare in maniera informale come si fa fra amici.
I BeccaBiR sono sia volontari BiR sia volontari esterni a BiR che partecipano a incontri di formazione BiR.
Servizio di orientamento per i volontari BiR che, dopo la formazione e l’esperienza estiva, scelgono di aderire alle proposte in ambito sociale di altre organizzazioni della nostra rete: la cooperativa Spazio Aperto Servizi e l’Oratorio Santa Curato d’Ars di via Giambellino, il Circolo Culturale Giovanile di Porta Romana, l’Associazione Lule, Comunità Nuova, il Centro Sociale Barrio’s, la cooperativa Comunità del Giambellino, l’Associazione CBM, l’Associazione Segnavia – Padri Somaschi.

ROMANIA
Ramnicu Valcea è una città romena di oltre 100.000 abitanti, capoluogo di un distretto del sud della Ro-mania, circa 180 km a ovest di Bucarest.
Ci siamo arrivati per la prima volta alla fine degli anni ‘90, ancora prima di fondare BiR, e non ce ne siamo mai andati.
Ad oggi BiR è attiva attraverso collaborazioni, strutture e progetti di diverso tipo, tutti rivolti a minori e giovani in difficoltà, alle loro famiglie e ai loro educatori.
Nel dicembre 2013 tre volontarie dell’Associazione – Carolina, Sofia e Stefania – hanno trascorso sul posto un po’ di tempo per costruire un racconto partecipato della quotidianità dei centri e delle comunità che contribuiamo a sostenere, e in particolare delle Case del Sorriso e del Centro Diurno di Ocnele Mari.
Ne è nato un racconto profondo e insolito che è consultabile alla voce “Ti racconto attraverso i colori”.
Fatto di voci e di sguardi, di segni e disegni.

REPUBBLICA MOLDOVA
Da circa tre anni BiR si è spinta a est del confine romeno, raggiungendo il paese più povero d’Europa: la Repubblica Moldova.
IL VAGONE di Orhei è uno dei progetti sostenuto da BiR: doposcuola e attività extra-curricolari con bambini e ragazzi di famiglie vulnerabili; attività ludiche per bambini con disabilità inseriti in istituti locali; sostegno a persone anziane o con disabilità; cineforum per bambini, giovani e adulti in collaborazione con la biblioteca “Alexandru Donici”; coinvolgimento di ragazzi e ragazze del territorio in attività di sensibilizzazione e formazione; promozione del volontariato giovanile.